“La legge di Bilancio del 2019 ha introdotto nell’ordinamento italiano nuove disposizioni di contrasto alla povertà, alla disuguaglianza e all’esclusione sociale attuate attraverso misure di sostegno economico e di inclusione sociale di soggetti esposti al rischio di emarginazione. A tal scopo ha destinato fondi al cosiddetto “Rdc-reddito di cittadinanza” per 7.100 milioni per il 2019, 8.055 per il 2020 e 8.317 a decorrere dal 2021.
Per le persone di età pari o superiore a 67 anni il Rdc assumerà la denominazione di “pensione di cittadinanza” come misura di contrasto alla povertà delle persone anziane. Per le famiglie che hanno diritto al Reddito di cittadinanza la pensione di cittadinanza scatterà dal mese successivo a quello di compimento del sessantasettesimo anno di età del componente del nucleo più giovvane. Continua su sito Associazione Aduc