Pontida: Bossi fondatore della Lega non sale sul palco di Pontida per decisione di Salvini.

 

Pontida, 17/9/2017

Raduno di Pontida:  Bossi, fondatore della Lega,  non è salito sul palco per decisione di Salvini. “Arrabbiato? Abbastanza. Salvini mi ha detto che non voleva farmi fischiare. Ma è un segnale che devo andarmene via”. Così Umberto Bossi ha risposto ai giornalisti  che  gli hanno chiesto un commento sul fatto che per la prima volta non è stato previsto il suo intervento dal palco. Inoltre il fondatore della Lega ha aggiunto: “non mi sono mai aspettato niente da Salvini”. Maroni, governatore della Lombardia, ha commentato: – “Questo mi spiace, perché Pontida è Bossi;  a Pontida Bossi  ha sempre diritto di parola”.

Referendum: costituiti i seggi


Oggi 3 novembre  alle ore 16
  sono stati costituiti i seggi elettorali. Dopo la conclusione dei preliminari di rito l’appuntamento per l’inizio delle votazioni è domani domenica 4 novembre 2016 alle ore 7 con prosecuzione  fino alle ore 23.
Il corpo elettorale è ripartito in  7.998 comuni e in  61.551 sezioni. Elettori pari a 46.714.950, di cui 22.465.280 maschi e 24.249.670 femmine. A questi vanno aggiunti i 3.995.042 elettori aventi diritto al voto per corrispondenza all’estero, di cui 2.077.455 maschi e 1.917.587 femmine.
Per votare l’elettore dovrà  esibire, oltre ad un documento di identità, la tessera elettorale personale a carattere permanente. Subito dopo la chiusura delle votazioni inizierà lo scrutinio dei voti, compreso quello dei voti all’estero.
I risultati degli scrutini saranno pubblicati sul sito internet del Ministero dell’Interno.

 

Brexit: l’Unione europea non parlerà più l’inglese?

L’Unione europea potrebbe non parlare più l’inglese quando la Gran Bretagna uscirà definitivamente. E’ quanto viene riportato dal giornale online  R.it (Repubblica) di oggi 27/10. Una decisione del genere a molti sembra una reazione ridicola della UE considerato che l’inglese non è solo la lingua “franca” dell’Europa ma del mondo intero.  L’idea è stata lanciata da un deputato europeo della Polonia.  Tuttavia non  sembra  trattarsi del pensiero di  un singolo deputato polacco visto che, secondo il Wall Street Journal,  la UE comincia a parlare con l’esterno in francese e in tedesco. Inoltre  il capo negoziatore UE per l’uscita dell’Inghilterra  è un francese che nel corso della  trattativa  vorrebbe utilizzare la propria lingua madre. La leader inglese Theresa May ha reagito con sdegno.

Chiude Equitalia, arriva l’Agenzia della riscossione

Equitalia sarà sciolta con decorrenzaa  primo luglio 2017. Subentra un ente pubblico economico, denominato “Agenzia delle Entrate-Riscossione”. E’ quanto si legge nella manovra economica.  L’ente sarà sottoposto all’indirizzo e alla vigilanza del Ministero dell’Economia e delle Finanze (Mef).  Presidente dell’ente sarà il direttore dell’Agenzia delle Entrate.

Referendum costituzionale: sentenza Tar entro metà ottobre

 

Entro metà ottobre dovrebbe arrivare la sentenza sulla richiesta di 48_referendumsospensione del decreto della presidenza della Repubblica del 27 ottobre con il quale è stata disposta l’indizione del referendum. E’ quanto è emerso da un incontro preliminare del Presidente della II sezione Bis del Tar del Lazio, Elena Stanizzi, con i legali del M5S e Sinistra Italiana (autori del ricorso). Presente anche  l’Avvocatura  dello Stato.  Le possibilità di decisione sono tre: confermare il provvedimento di indizione del referendum, annullamento con eventuali indicazioni del cambiamento del quesito oppure dichiarazione di incompetenza nella  materia del ricorso.  (Fonte:Ansa)

Altre disquisizioni di carattere politico le lasciamo ai politici (Admin)